giovedì 1 aprile 2010

Envy/Vengeance: il secondo film horror di Zampaglione

Federico_Zampaglione_HorrorShadow di Federico Zampaglione, prima d'ora noto più che altro come leader dei Tiromancino e ora indiscussa prima stella di un cinema horror italiano in piena rinascita, ha annunciato ieri che inizieranno prima dell'estate le riprese del suo secondo film, Envy/Vengeance.

A sentire le parole del regista, in conferenza stampa alla Sala dei Notari a Perugia, l'idea per il suo secondo horror gli è nata proprio in occasione della premiazione come miglior sceneggiatore all'Orvieto Horror Award.

"Ricevere un premio così importante da una giuria di tale spessore mi ha spinto immediatamente a riflettere su quale poteva essere la mia prossima mossa. E, complici anche certe vuote polemiche innestate nel corso del festival, ho immaginato la storia di uno scrittore di mezzi modesti se non nulli che, frustrato dall'ennesima esclusione dalla finale di un concorso letterario, sprofonda lentamente in una spirale di follia che lo porta a torturare e uccidere nei modi più fantasiosi i vari giurati che lui ritiene responsabili".

Queste le parole di uno Zampaglione più in forma che mai, che dedicherà le prossime settimane alla stesura dello script insieme a sceneggiatori del calibro di Dario Gabbiani e Andrew Dove. Il tutto per la produzione dei fratelli Argento.

"Si tratterà di una pellicola a tinte ancora più fosche rispetto a Shadow. Qualcuno, penso, comincerà a parlare di spaghetti torture porn e l'etichetta non mi dispiace del tutto.
Le location? Ancora troppo presto per dirlo ma vorrei davvero ambientare il tutto a Orvieto, perché no? Si tratta di una cornice magnifica e le mura vecchie di secoli potrebbero fare da sfondo più che valido per le gesta del pazzo criminale protagonista di Envy/Vengeance".

Due conferme in un sol colpo, quindi: l'horror italiano gode di ottima salute, Zampaglione è chiaramente l'apripista di questa rinascita e il Festival di Orvieto si conferma come appuntamento imprescindibile, di caratura internazionale, per gli anni a venire.

Sic semper horror!

12 commenti:

  1. Bah, ci ero qusi cascato!
    in tutti i modi, ho visto il fil di Zampaglione ad Orviethorror..
    sicuramente cio' che e' stato scritto riguardo" La Rinascita Dell'Horror Italiano", e' un esagerazione, pero' devo dire che nel complesso non mi aspettavo un film cosi' fatto bene.
    Davvero non sembra un film italiano e malgrado non sia magari originalissimo, la storia viaggia bene ed ha dei momenti sorprendenti.
    Dispiace solo, che ci voleva un cantante (pure melodico e palloso) a riprendere in mano il filone horror, mentre i maestri non hanno piu' voglia e ispirazione per fare nulla.
    Ke paese strano che e' l'Italia.

    RispondiElimina
  2. Ottima testimonianza, servono più commenti come il tuo.
    Altri che hanno visto Shadow e vogliono dire la loro?

    RispondiElimina
  3. Dalila Tassoni7 aprile 2010 03:41

    Ciao Elvezio caro, ti seguo perche' la tua mente e' illuminata come il tuo blog.

    Mi chiamo Dalila e sono di Roma .. o quasi (Lavinio).
    Tentero' di dire la mia... si va?!..tanto stanotte non si dorme..

    Shadow, l'ho visto al Trieste Sience & Fiction e sono piu' o meno daccordo con Curdo.

    E' un piccolo e imperfetto film indipendente, con una certa dignita' e ispirazione, dotato di buone intuizioni e cast, un grande villain, una fattura decisamente internazionale e ottime musiche (tipo Tool) .

    Si vedono cmq i diversi film da cui e' ispirato ed e' per questo criticabile.

    Pero' alla fine, risulta uno strano horror molto malinconico, di sicuro non un torture porn (come si direbbe dal trailer fatto ad ok) , ma un po stralunato e decadente, quasi un febbrile canto di morte...
    che ti lascia dentro un senso di profonda amarezza e disillusione..forse per colpa del tristissimo, plumbeo e atroce finale.

    Devo dire che proprio x via del finale (anche se mi ha ricordato un pochino un altro film che non ti diro') .. ho odiato Zampaglione.
    Ci sono rimasta davvero male.

    Un bacio e 'notte.Dalila

    RispondiElimina
  4. E due, molto bene.
    Quasi dispiace che le testimonianze avvengano in calce a un pesce d'aprile, ma ben vengano se sono di questo livello.
    Grazie ancora per i commenti!

    RispondiElimina
  5. Ciao Elvezio, io a questo pesce d'aprile ci sono proprio cascato. Il film l'ho visto a Orvieto, e mi è piaciuto molto anche se credo che per la rinascita dell'horror italiano ci sia ancora molto (se non tutto) da fare, diciamo che Shadow è un passo nella giusta direzione, vedremo se altri seguiranno la strada. E' comunque un film che fa riflettere, ma quello che non riuscivo a capire (e ringrazio Dalila nel post precedente) è che è veramente malinconico. E forse, azzardo, è la malinconia che si può trovare nelle canzoni di Zampaglione.
    Ciao a tutti!

    RispondiElimina
  6. Se vuoi anche se non un po lunghetti copio e incollo dei commenti che mi sono piaciuti il primo preso da Nocturno, gli altri due da HM:

    E' passato un bel po di tempo da quando si vociferava del nuovo film di Zampaglione ed alzi la mano chi era dubbioso su l'intera operazione, sopratutto alla luce di un assolutamente non riuscito nero bifamiliare. Non nascondo che ero uno di loro, di quelli che si lasciano il beneficio del dubbio quando leggono sparate come "rinascita del cinema" e "nuova era del cinema italiano", ma dopo una serie di interessanti foto di scena circolate e sopratutto dopo la visione del film tutti i pregiudizi vanno piegati in forma areodinamica ed infilati su per il culo, perchè shadow è davvero un bel film. E non è il torture porn che si potrebbe credere guardando foto e leggendo la trama, perchè il film si imbeve di un altro tipo di orrore più assoluto che non è certo quello del gore a prescindere (e qui di gore ce ne sta pochino quindi i sanguinacciari sono avvertiti) ed è così che il film si presenta come un canto mortuario che si bagna di psichedelia e disperazione con un impressionante, in tutti sensi, Nuot Arquind (tra l'altro una persona eccezionale) che incarna tutti i mali di questo mondo. E ripeto il film funziona molto bene con un bel ritmo che tiene dall'inizio alla fine, un uso ottimo delle musiche e sequenze davvero belle e suggestive (quella del bufu alvarius su tutti, ma anche la discesa nel nascondiglio del "mostro" e il bell'inseguimento tra prede e cacciatori iniziale) ed un parco attori davvero ben affiatati che oltre al citato Arquind contano un ottaviano blitch più efficace e controllato del solito, la bellissima karina testa di frontiers e il ragazzo di borderland. Detto questo è ovvio che il film ha dei difetti che ne minano lievamente il risultato e questi sono principalmente concentrati in fase di script forse alla luce di un twist tanto "necessario" quanto categorico e che butta tutt'altra luce su i fatti e gli avvenimenti del film. Insomma si ha la sensazione che non tutto torna come dovrebbe e sembra quasi che manchino dei "raccordi" nel film ma è lapalissiano che un altra visione è necessaria per cogliere riferimenti e simbolismi. Dire che Shadow sia un capolavoro è assolutamente errato ed esagerato, ma che sia un film importantissimo nel nostro panorama italiano (e non parlo solo "horror") è assolutamente innegabile e riconducendosi all'inizio del commento se le sparate di "rinascita" e "nuova era" le lasciamo giustamente agli strilloni pubblicitari bisogna essere però coscienti ed ammettere che se tutto va come dovrebbe andare di sicuro Shadow rappresenta qualcosa che sta cambiando davvero e che finalmente anche all'estero possono apprezzare. Come dicevano i machine head in un periodo buono per loro "more things can change..."

    RispondiElimina
  7. Anche io ho potuto visionare in anteprima "Shadow" ad Orvieto ad anche io ne sono rimasto piacevolmente colpito. Zampaglione dirige davvero un bel film, c'è poco da dire...finalmente è stato fatto il passo giusto!
    Ogni aspetto del film è stato ben curato, dalla sceneggiatura alla colonna sonora. Zampaglione si dimostra un tipo che sa il fatto suo dietro la m.d.p. (le sequenze degli inseguimenti sono davvero ben girate), ottima la fotografia e davvero inquietante il boogeyman di turno (occhio che non è truccato, era presente in sala ed è davvero così "particolare").
    Anche le sequenze gore, seppur tenute a bada, funzionano...le scena dell'occhio fa davvero impressione!
    Interessante il "colpo di scena" finale...indispensabile per dare personalità ad un prodotto che di primo acchito potrebbe apparire poco originale.
    In definitiva davvero un bel prodotto....sono contento che sia made in italy. Spero che Zampaglione continui a dedicarsi all'horror così come ha promesso fuori dalla sala!

    RispondiElimina
  8. Ecco l'ultimo...

    Ho avuto il piacere di vedere Shadow in anteprima qualche giorno fa.
    Ora non so se può considerarsi "la rinascita dell'horror italiano", come ha ipotizzato qualcuno, molto in questo caso dipende dalla sorte che vorranno destinargli i distributori, fatto sta che il film di Zampaglione è davvero bellissimo.

    Ha una confezione intrnazionale, un film molto europeo in quanto a immagini e storia, direi...lo accosto alla recente cinematografia inglese e francese.

    Inizialmente si ha un forte senso di deja.vu, con quella coppietta in funga per i boschi inseguiti da due cacciatori redneck schizzati con rottweiller ferocissimo a seguito...un tranquillo weekend di paura, insomma. Poi comincia il mistero del torturatore scheletrico che si diverte a fare un giochino alla Hostel...ma fortunatamente il film va da tutt'altra parte mantendo costanetemente una sua identità.

    Girato molto bene e ben fotografato, ha alcuni momenti di tortura molto feroci anche se non è particolarmente sanguinoso (c'è un arrosticino umano niente male). Ma tra tutto e tutti spicca il mitico boogeyman di questo film, l'uomo che vive nel bosco, nel passo di Shadow, e cattura i viandanti.

    Che dirvi? Andatelo a vedere appena esce che ne vale davvero la pena e penso che qui dentro anche piacerà a molti.

    RispondiElimina
  9. Oltre ogni aspettativa!
    L'entusiasmo che circonda questo film ci piace molto qui a Splattergramma, a prescindere da eventuali gusti personali.
    Ancora grazie a tutti, non pensavamo mai più di essere così seguiti, ci spingete a fare ancora di più e tentare di fornirvi ogni news possibile sul cinema horror (e non solo il cinema).
    Grazie ancora.
    Come detto prima, ogni segnalazione sarà la benvenuta.

    RispondiElimina
  10. Cavolo, adesso non vedo l'ora di vederlo 'sto Shadow! Ci avete incuriosito...

    RispondiElimina
  11. Mario Lanfranchi8 aprile 2010 08:47

    Pazzesco, ho letto sullo Splattercontainer che il film esce in America con la IFC, quella di Antichrist e Valhalla Rising, che lo ha strappato di mano alla Lionsgate.
    INCREDIBILE!!!FORZA ITALIA!!!!!!!!!
    Buon colpo per questo lavoro italiano che merita la visione.
    Io l'ho visto ad Orvieto e mi e' piaciuto anche se il finale e' un pugno nello stomaco forse esagerato e troppo, dico troppo crudele, benche' non particolarmente gore.

    L'horror, per me, DEVE soprattutto divertire, mentre il senso che il film ti lascia addosso, e' di immensa tristezza, sconfitta e sdegno verso un genere umano, spietato e senza speranza.

    La mia ragazza, sul finale ha pianto per via dell'orribile sorte destinata a quel povero essere umano... e che cazzo!! Mariuccio 87

    RispondiElimina
  12. Molto bene, altri commenti entusiasti...

    Attenzione però a non rivelare troppo, sono in molti a non averlo ancora visto e potreste rovinargli la sorpresa!
    Tanto il film esce fra poco, per fortuna!

    RispondiElimina